SABRINA

Molte donne nascono madri,
E’ nel loro DNA, nella loro storia, in ogni loro gesto.

Io non sono mai stata quel tipo di donna… non mi ci sono mai vista in quel ruolo…e forse nemmeno oggi mi ci vedo.

Presa dai miei obiettivi, dalle mie passioni, dalle mie ambizioni… ho sempre immaginato il mio futuro nelle vesti di una donna in carriera…di quelle che non si fermano mai…di quelle che “io prima di ogni cosa”.

Indipendenza è stato il principio cardine della mia vita. Indipendente dalla famiglia di origine, dalla quale scalpitavo per uscirne…indipendente dagli uomini, troppo lenti per starmi dietro…indipendente dalle amicizie, lasciavo facilmente alle spalle chi non correva insieme a me.

Ma non avevo fatto i conti con il caso, con il destino e con tutti quegli avvenimenti che cambiano il corso della nostra esistenza…a quelli non avevo proprio pensato.
E sono state proprio queste variabili, sfuggite al mio controllo, che mi hanno reso una moglie prima, una madre poi.

Molte donne si sentono madri non appena quella lineetta compare sul test…non per me…non mi ci sono sentita nemmeno quando il pancione ormai evidente strabordava dai pantaloni…
Non mi sono sentita madre nemmeno quando ero lì, pronta a conoscere la creatura che portavo in grembo.

Il mio essere madre è un qualcosa che prende forma giorno dopo giorno, quando la mia bambina richiede che io vesta quel ruolo a 360 gradi. E’ come un vestito che qualcuno mi chiede di indossare…ma non sento ancora mio.

La strada è lunga e non avrà una fine, mi aspetto mille salite…ma con la giusta compagnia sono pronta ad affrontarle.

Mamma di #Mia, 8 mesi di gioia, una bambina indipendente e autonoma (i geni son quelli).
Sabrina: diversa-Mente Mamma

sabrina

FacebookTwitterGoogle+WhatsAppEmailWordPress